Vicissitudini aquilane (AD 2019)

Pe na sera che non piove, so pijato ju cane e me ne so jita a cammina’ pe ju centro. Premetto che ju cane è nu pitbull de trenta chili, de n’anno scarzo.
Me faccio la Piazza, la Villa comunale, resajio pe piazza Santa Giusta e vajo ritta. Po’, mbocco pe’ Costa Masciarelli, a cala’.
E mentre la vista della ricostruzzio’ me sbatte n’faccia, quant’è bella, ju cane comenza a tira’.
‘N mezzo alla via, ferma, tutta ngrufata, ce stea na jatta aquilana, co na sponta che manco na zampata la levea.
Ju cane tirea a na parte e ji a n’atra. Solo che ju cane tirea a cala’, pe Costa Masciarelli, la te’ presente sci.
E la jatta, fiera oh, come na leonessa, mica se scanzea.


Tira e tira, so riuscita a convince ju cane a reggira’; la jatta, zitta zitta, è rentrata alla casa e ji so jita n’piazza.


Oh, la Piazza pure è ‘na meraviglia, eh; mo n’grazzia de Dio me ne revajo a casa piano piano, me so detta.
E no! N’piazza ci steano ji piccioni. E ju cane ha recomenzato a tirà e gli è jito appresso. ‘Nzomma, me so fatta la Piazza a 50 all’ora, e non so’ cascata pecche’ Dio non ha voluto.


Du minuti dopo, manco, steo a casa, tutta nfossa pe’ la suata e co’ le stigmate alle mani, pecche’ po’, semo mboccato via Roio a tremila e ci stea m’atra jatta. Ma quessa correa, correa, correa pe’ la via de casa e non se fermea. Arrivati a Piazza Rocca di Corno, pe’ fortuna, la jatta ha trovato nu spiraglio aju cantiere e s’è insaccata.


Morale della favola, so’ rentrata da n’ora e me stanno ancora a trema’ le cosse.

2 Comments

  1. Pensavo (E forse temevo) prima o poi l’avresti scritto.

    La mette a pecora e se la schionfa

    Me l’aspettavo, ma non è successo

Rispondi