La sua montagna

La sua prima moto fu una Laverda Jota 1000 di cilindrata, color oro. Il sedile di pelle. La comprò appena uscita, nel 1976 quando la sua vita si divideva tra… Read more

Pretesti

Sull’autobus di linea L’Aquila- Roma arrivano zaffate di amuchina. Sento l’odore aggredirmi dal retro ma non subito lo identifico. Mi è familiare ma ci metto un po’ a ricostruire nel… Read more

Che razza di madre!

Dolce l’attesa dei baci dei figli rubati sul letto pensando ch’ io dorma. Che razza di madre! Li sento arrivare rallento il respiro mi sforzo nel buio di non sghignazzare.… Read more

PENSIERI UN PO’ SCONESSI MA NEANCHE TANTO SUL VIVERE IN CENTRO ALL’AQUILA

  Ho conosciuto Carlo su Piazza Rocca di Corno a fine agosto dello scorso anno, o forse erano i primi di settembre, mi confondo sempre con le date. Comunque io… Read more

Del pulire l’autovettura

“Allora ragazzi, sabato porto la macchina a lavare. Va da sé che dovete liberarla di tutte le carte cartucce giornalini bottigliette lego e via dicendo che si sono accumulati negli… Read more

ELABORAZIONE DI UN RICORDO

C’era una crema per il viso, la Nutrix, un tubo bianco da 125 ml, col tappo grigio e la scritta bianca Lancome tutta intorno. Ce n’era anche un formato più… Read more

Mia madre sbucciava l’uva

Mia madre sbucciava l’uva, un chicco alla volta. La sbucciava e poi la tagliava in due metà, per togliervi i semini. Le dava fastidio la patina bianca che avvolge gli… Read more

Mi chiamo Rocco e mi sono perduto

Sì, e così! Non so bene quanti giorni sono che nessuno mi trova. Sono certo, però, che mi stiano cercando, mamma, papà, i nonni, gli zii, mio fratello. Lo so… Read more

Ricordando mio padre

Te ne sei andato in sordina, 10 anni fa, a Pesaro, nel momento in cui la tua città non poteva sopportare un altro dolore. Non volevi andartene da casa, è… Read more

Quel ciuffetto d’erba

Insomma sabato vado a Roma a vedere Rocco giocare, a Tor di Quinto. Porto la cana. A bordo campo io faccio il tifo, lei si concentra su di un rigoglioso… Read more